CIBO ELETTRIZZANTE PER UNA MUSICA VIVA

LETTERA

 

HO TROVATO UNA GUIDA

Caro Valdo, quello  che ti scrivo è la metà dei sentimenti che ho verso il lavoro che stai facendo.

Sei stato grande alla conferenza di ieri in Parma.

Sono contento di aver trovato in te una guida a ciò che da anni albergava nella mia anima.

Io sono diventato anche Taoista e c’è a proposito una bella citazione che dice “Quando l’allievo è pronto il maestro appare”.

HO DIVORATO IL TUO LIBRO IN DUE GIORNI

Ed ecco che spunta il tuo libro. Senza cercarlo, me lo sono trovato in mano alla Feltrinelli.

Di solito leggo la biografia e sfoglio il libro per rendermi conto di cosa si tratta.

Nel caso tuo è stato invece tutto automatico.

L’ho comprato senza esitare, come se ti conoscessi da anni, divorandolo poi in un paio di giorni.

Ora continuo a leggerlo e a segnarmi tutte le cose che già sapevo ma non intuivo.

LA MIA DEDIZIONE MUSICALE AI TEMI DELLA NATURA E DEGLI ANIMALI

Sei spuntato come un fungo e dal mio cuore non ti togli.

Le tue osservazioni mi rendono forte di fronte alle scelte quotidiane.

Era da anni che nella mia musica mettevo sempre il tema della natura e degli animali.

Sono il primo flautista italiano che ha ricercato e pubblicato musiche del ‘700 barocco dedicato a questi temi, e ho sempre scavato nel mio repertorio per proporre quei mattoni che ci mettono di fronte ai dubbi di come stiamo trattando Madre Terra e i nostri Fratelli su questo pianeta.

GLI ANIMALI SONO IL SIMBOLO DELLA NATURA OLTRAGGIATA

Ho iniziato con J.S. Foer, poi sono passato a Singer, e ora sono passato a Valdo (tra l’altro mia madre si chiamava di nome Valda, e anche questa non è certamente una coincidenza).

Tutto questo mi ha aiutato  a intraprendere finalmente la strada che tu chiami Frugivorismo o Fruttarianismo.

Ci sono riuscito solo per merito tuo. Gli altri libri mi avevano convinto a sostenere uno sviluppo diverso, sempre a favore degli animali, che sono dei veri deportati e rappresentano la Natura meglio di chiunque altro e assai meglio di noi uomini.

LA PIETA’ NON BASTA

Essendo Taoista simpatizzo coi Buddhisti, ma c’è da augurarsi di non finire incarnati in una mucca, in un maiale o in pollo. Il tuo libro mi ha dato la forza, quella che mi mancava. Ero solo mosso da pietà nei confronti degli animali. Quella pietà che però non basta e che ti fa ogni tanto chiudere gli occhi e ricadere, a Pasqua, a Natale, ai compleanni, anche per non far preoccupare troppo famigliari e amici che sei troppo diverso dagli altri.

MI HAI TRASMESSO IL CONCETTO BASILARE DEL CIBO VIVO

Ora non ho più paura, anzi mi batto come un gorilla o un toro. Non mi spaventano più le pasticcerie e le salumerie. Quando vado a fare la spesa, guardo incuriosito la marea di cose morte che la gente compera.

Con te mi è entrato il concetto di cibo vivo, di nutrirsi con alimenti pieni di energia. Trattasi di un concetto che per me è facile da capire, dato che la musica è una cosa viva. Non esiste musica morta.

Qualsiasi musica vive dell’esecuzione di un vivente che ci mette la sua energia per farla ridestare.

E’ l’unica arte che vive del suo quotidiano, come il cibo che ora mangio, che è pieno di energia vitale.

STO ROMPENDO LE PALLE A CHIUNQUE CAPITI SOTTO TIRO

Con te ho imparato a rispettare quello che metto nel mio tempio.

La mia anima ora si nutre di frutta e vegetali, tutto materiale vivo che nulla va a rubare e a togliere al mio corpo. La magia del tuo libro sta nell’energia positiva che esso trasmette.

Sto rompendo le palle a tutti quelli che conosco. Li spingo a leggere la mia bibbia, Alimentazione Naturale. Spingo i miei allievi a seguire una nutrizione di tipo frugivoro.

Solo così si può suonare il flauto e comunicare la forza della natura, la grandezza del nostro meraviglioso mondo. Grazie e a presto, dal tuo nuovo allievo Claudio Ferrarini

RISPOSTA                                              *****

 

LA MUSICA E’ ALLEATA DELL’ARMONIA E NON DELLA TORTURA ANIMALE

 

Ciao Claudio, sto riflettendo sulla tua iniziativa che hai chiamato Liberazione Animale, e che dimostra l’impegno con cui stai affrontando la tua personale battaglia in favore della natura offesa ed oltraggiata.

Non hai certo bisogno di pubblicità, data la tua caratura di artista internazionale.

Spero comunque che quegli amici vegani del mio network, che per distrazione ancora non ti conoscono, si ricordino dei tuoi CD quando vanno a cercarsi un angolo di vera armonia.

TU COME PITAGORA, IN LINEA CON LA TRADIZIONE ARTISTICA ITALIANA

Mi ha molto colpito la frase “mi batto come un gorilla e come un toro”.

Per uno che insegna musica è di eccezionale importanza il suono, ma anche il sottofondo, il silenzio, le pause, il ritmo, lo svilupparsi armonioso delle note.

Non posso non pensare a te, senza ricordare il grande Pitagora di Crotone, che abbinava la musica all’arte, alla matematica, al silenzio, alla concentrazione, all’adorazione quotidiana del Sole.

Sapere che esiste tuttora gente come te, e per giunta nella culla italiana del formaggio e del prosciutto, mi fa riappacificare col pianeta Italia. Dove esistono i veleni, ci sono pure i migliori antidoti.

Valdo Vaccaro  (AVA-Roma e ABIN-Bergamo)