FOTTER PECUNIA AT IGNARO POPULO

LETTERA

 

Una umanità che brancola nel buio

 

Esaminando le straordinarie prove tecniche di trasmissione di stampo igienistico, nei confronti di una umanità che ormai brancola nel buio delle patologie incurabili, senza capirne il vero e il falso, e apprezzandone l’esposizione semplice ma al momento giusto approfondita sulla funzione olistica di ogni organo, ti SUGGERISCO VIVISSIMAMENTE, caro amico Valdo, di elaborare una summa higienistica

delle tesi così partorite, raccogliendole in un compact disk di sicura capienza.

Qualcosa da far giungere con una mirata corsia preferenziale in tutte, ma dico tutte, le famiglie d’Italia!

Una devastazione mediatica fatta di lauree, di soprusi e di speculazioni

La cosa diventa indispensabile se solo uno si guarda intorno, ed è costretto, come noi tutti, a subire una IMPAREGGIABILE DEVASTATIO MEDIATICA, fatta da gentaglia di malaffare come NUTRIZIONISTI, DIETISTI, FARMACISTI, OMEOPATISTI, ecc. ecc. ecc.

Professionisti che hanno saputo BRILLANTEMENTE OTTENERE una laurea AD HONOREM sul QUANDO E COME SAPER FOTTER PECUNIA AT IGNARO POPULO.

Correre ai ripari contro la corruzione biologica dilagante

Figurati quindi come diventa essenziale correre ai ripari, anche con l’intelligente distribuzione di un CD, inseribile in qualsiasi transfer di ordine mediatico commerciale, studiato negli appositi modi.

Questa mia esortatio vorrei fosse CONTEMPLATA un attimo da te e dai tuoi possibili collaboratori.

Nel salutarti con infinita stima, tenteremo di collaborare sempre et comunque in tutte le direzioni possibili.

In tutte le direzioni OPPOSTE al disegno ormai imperante di corruzione biologica che stanno perpetuando nei confronti della specie umana.

Raffaele

RISPOSTA

 

Tante testimonianze di fraterna amicizia, ma anche qualche cafoneria di troppo

 

Ciao Raf, vado a pubblicare il tuo messaggio, e lo giro ai miei collaboratori e ai miei simpatizzanti, che non stanno fisicamente accanto a me.

Pochi ma buoni, sono sparsi un po’ dovunque, sia nello stivale che fuori di esso.

D’accordo che non tutti la pensano come te.

C’è anche chi si offende, chi si preoccupa, chi si disinteressa e chi ti manda pure al diavolo.

E c’è chi offende con apparente eleganza e con meschine cafonerie, con nomi fasulli e battute acide, mai portate direttamente, ma sparse tra i blog e mirate solo a screditare ed offendere.

Il caso della vitamina B12 da batteri e non da carne

Affermare ad esempio che scrivo di B12, ossia di cose che non conosco, associando la B12 alla carne mentre la B12 è derivata da microrganismi, è un chiaro imbrogliare le carte.

Mai ho detto che la B12 deriva dalla carne, anche se i primi metodi di estrazione della cobalamina vertevano proprio sulla estrazione della medesima dagli animali abbattuti in mattatoio.

La mia classificazione della B12 come vitamina carnivoristica, deriva dal fatto che, al contrario della B9 (o folati), non si trova in quantità evidenti e soppesabili nella frutta e nella verdura, per cui viene usata politicamente dalla controparte per incrinare le teorie vegane e dimostrare in qualche modo che la perfezione igienistico-naturale e vegana non esiste, ma è un parto della fantasia vegetariana.

La differenza tra l’ignorante e il cafone

Essere ignorante, a parte il caso ora citato, è sempre cosa rimediabile.

Basta studiare di più in tutta umiltà, ed imparare qualcosa di nuovo.

Ma se uno è cafone rischia davvero forte.

Tende a restare cafone finchè campa, mancandogli quel briciolo di onestà intellettuale e di logica che servono a rendere una persona intelligente.

L’impossibilità di essere in armonia con tutti

Ma lasciamo stare le imbecillità, le provocazioni e gli oltraggi gratuiti.

Molti nemici tanto onore, dice un detto combattivo del passato. In realtà non sono alla ricerca di nemici.

Vorrei al contrario essere in armonia con tutti, ma non sempre ciò è possibile.

Anche questa breve tesina potrebbe scatenare un mezzo putiferio.

Non dobbiamo fare di ogni erba un fascio.

La legge economica della domanda e dell’offerta

C’è gente tra medici e omeopati e farmacisti che va tutelata e che fa il suo dovere al meglio.

La vita è cara per tutti, ed esiste la legge ecomomica della domanda e dell’offerta, dove il prezzo di un prodotto o di un servizio schizza alto se la domanda è alta.

Petrolio limitato e tanta richiesta di greggio? Ecco che il prezzo sale.

Tanta gente malata (domanda alta) e pochi terapeuti in grado di aiutare la gente (offerta bassa)?

Ecco che il loro prezzo va alle stelle, giusto o sbagliato che sia.

Aggiustare tubi vale di più che insegnare a vivere

Se chiamo un idraulico, un bruciatorista o un elettricista da Udine, che dista 10 km, mi partono 100 € fissi come rimborso spese di trasferimento, con aggiunta poi delle ore di lavoro e dei pezzi eventualmente cambiati.

In più vengono quando dicono loro, essendo oberati di impegni.

Se vado a fare una conferenza sulla salute a 500 km di distanza, e mi azzardo a chiedere 300 €, non per le prestazioni che restano a titolo gratuito, ma come semplice rimborso spese-viaggio, mi guardano magari con sospetto. Significa evidentemente che non valgo ancora abbastanza.

Tanto per farti capire il problema.

La voglia di valere e di essere apprezzati anche in termini pecuniari

Oltre che al prezzo corrente medio, per ogni tipo di prestazione e di servizio, esiste anche il problema della vanità umana. Se sei bravo e vali, hai anche una buona valutazione di mercato, un nome e magari una certa notorietà, e quindi guadagni bene.

Se sei scadente e mediocre, o anche sconosciuto, nessuno ti vuole e ti arrampichi penosamente sugli specchi. Prova tu a chiamare un cantante bravo ma ignoto, per la tua sagra di paese o per la festa del patrono. Te la caverai con tre o quattro banconote. Prova a chiamare invece Elton John, come ha fatto Napoli di recente, e metti in crisi le finanze pubbliche dell’intera città.

L’importanza fondamentale dei risultati

La valutazione e la critica vanno piuttosto rapportate ai risultati che si ottengono.

Chiunque è disposto a fare un sacrificio economico per ottenere un effettivo e duraturo miglioramento delle sue condizioni di vita. Se viene però, come giustamente dici tu, illuso e drogato, e quindi imbrogliato da chi è bravo soprattutto a fotter pecunia, è giusto denunciarne le nefandezze.

La distribuzione capillare ha costi proibitivi

Per rispondere al tuo messaggio, caro Raf, far arrivare dei libri, o anche un CD onnicomprensivo a tutte le famiglie, ha costi organizzativi e distributivi notevolissimi.

Solo enti statali e parastatali, solo partiti politici, solo soggetti pesantemente sponsorizzati possono affrontare piani di quel genere.

Del resto, esistono già molti amici che non si limitano a seguire il blog con interesse, ma provvedono pure a diffonderne il verbo.

Siamo gente in cerca di verità condivise e non di imposizioni, di dogmi settari o peggio ancora di frodi

In quasi tutte le famiglie d’Italia c’è ormai un computer e dei ragazzi che usano internet.

Chi è in cerca di un messaggio trasparente sulla salute, lo può cercare, selezionare, setacciare e valutare in tutta coscienza e in tutta libertà.

Chi ha dei dubbi da chiarire, problemi da approfondire, gomitoli da srotolare, può fare domande e sentire risposte, può sempre ribadire, facendo uso della sua intelligenza, del buon senso e della buona educazione.

Valdo Vaccaro – Direzione Tecnica AVA-Roma e ABIN-Bergamo