Problema demografico?

L’età media di Vita non ha nulla a che vedere con la età media di Morte…
la prima mette dentro tutti i vivi e siccome i giovani son pochi e i vecchi tanti si innalza…
negli ultimi 10 anni muoiono tantissime persone di cancro… sempre più… e giovani oltre che vecchi… fate uno studio dull’età media di motre e vedrete le sorprese, inoltre i danni da pesticidi ed OGM sono molto maggiori nei Feti, Bambini e corpi in sviluppo e nelle cellule riproduttive, rispetto ai corpi maturi per cui i nostri genitori e noi che mangiammo bene da piccoli camperemo forse più a lungo mangiando biologico sono i nostri cuccioli che dobbiamo tutelare…

gli OGM importati in Europa sono ormai 32 e vengono nascosti dalle soglie di (in) tolleranza senza etichettature (9 grammi per kilo !!!) in modo illegittimo e irrispettoso del diritto inviolabile alla corretta informazione dei consumatori e della tutela della salute ed ambiente , costituzionalmente garantiti. 

Inoltre, con il TGO (trasfrimento genico orizzontale) il materiale genetico transgenico, che ingeriamo o che si diffonde attraverso il cibo o le importazioni di OGM… viene ad intromettersi nelle catene biotiche durante la decomposizione…
creando pericoli di nuove patologie…

SUBITO UN BANDO  MONDIALE DEGLI OGM; TECNOLOGIA ANTISCIENTIFICA ED INCONTROLLABILE
NO AI BREVETTI SULLA MATERIA VIVENTE

FUORI I MERCANTI DAL TEMPIO DELLA VITA !!!

saluti

G. A.

 

Il giorno 31/mag/10, alle ore 15:55, R. F. ha scritto:

Scusami B., ma non ho capito il senso di quello che hai scritto.

 I farmaci che consumiamo, a parte i casi di superconsumo, insieme ad un generale miglioramento delle condizioni di vita (compresa una migliore alimentazione) hanno permesso un notevole innalzamento delle aspettative di vita. Oggi il traguardo degli 80 anni non è più tale, visto che sono moltissimi coloro che li superano veleggiano verso i 90. E anche le condizioni di salute in cui arrivano a questa età sono spesso molto buone, tanto che in molti casi si tratta di individui pienamente attivi. Purtroppo lo stesso non si osserva in gran parte della popolazione africana, proprio perché l’accesso ai farmaci è ostacolato da condizioni socio-economiche incompatibili con il tenore di vita della maggior parte della popolazione. Anche grazie alle “ricette” del FMI, solo pochi paesi africani hanno un sistema sanitario gratuito e universale come lo abbiamo noi, perciò chi si ammala non ha possibilità di accedere a cure efficaci, a meno che non abbia la possibilità di rivolgersi ad una missione o ad una struttura di volontariato (Emergency, MSF, AMREF…). Qui da noi, se hai mal di pancia o mal di testa, ti basta andare in farnacia per risolvere il problema.

Alimenti OGM: quali sono quelli che mangiamo? Che io sappia, al momento sul mercato italiano gli unici prodotti OGM o derivati da OGM sono Mais e Soia, comunque non quelli di origine italiana, dal momento che nel nostro  Paese fino ad oggi non sono state autorizzate produzioni agricole OGM, ad esclusione di pochi campi sperimentali e sottoposti a severa regolamentazione. La frutta senza semi non è OGM, è solo selezionata oppure ibrida. Cioè si tratta di un tipo di produzione basata sui meccanismi della selezione naturale, non a manipolazioni di laboratorio. OGM si riferisce ad un organismo che ha subito una manipolazione del DNA per ottenere un risultato che sarebbe impossibile in natura. Un mulo è un ibrido fra asino e cavalla, è sterile e non è OGM; il Bardotto è un ibrido tra cavallo e asina, pure questo è sterile e non OGM.